In Focus: David Czupryn ‘He She It’ | Kunsthalle Darmstadt, Germania

October 30th, 2018 - January 6th, 2019

Darmstadt

Curata Da leon-krempel

Artworks
in this exhibition

ARTUNER ha il piacere di annunciare che He She It, la prima personale istituzionale di David Czupryn verrà aperta nella Kunsthalle di Darmstadt in Ottobre 2018. 

La mostra presenta parecchi nuovi  e precedenti dipinti di grandi dimensioni mai esposti dell’artista tedesco, così come numerosi lavori su carta della sua ininterrotta serie di ritratti.

Qui segue un riassunto del comunicato stampa della Kunsthalle Darmstadt:

Dopo aver presentato  Florian Süssmayr in  Bilder für Deutsche Museen II nel 2016, la  Kunsthalle Darmstadt, sotto la direzione di León Krempel presenta ancora una volta la personale di un pittore: David Czupryn.

[...] Una delle principali caratteristiche di David Czupryn è il suo ricorrere al trompe-l’oeil, la tecnica dell’inganno visiva nota alla pittura da tempo immemore che sta celebrando un ritorno inaspettato. In modo totalmente provocativo, il pennello e il colore semplicemente rappresentano superfici, così che scrittura  e movimento vengono negati come principali emblemi della pittura. Ciò dà l’impressione che le immagini dell’artista siano state stese come un singolo elemento, in modo da apparire scultoree e fotorealistiche. Il loro spazio è poco profondo, come una scatola, chiuso da mura.

I dipinti di Czupryn di  grandi dimensioni sistematicamente mostrano una ben pianificata organizzazione e un preciso equilibrio nei traslucenti e stratificati colori; un contrasto armonioso,sobri sfondi e basi , motivi di movimenti esaltati da frecce o difficilmente raggiungibili arti, simmetrie rotte, aspetti cadenti e imponderabili, legati, intrecciati aperti e trasparenti elementi, immagini dentro immagini, e composizioni che somigliano a natura morta. [...]

Enigma avvolge i tanti diversi oggetti che compongono le  installazioni pittoriche dell’artista. Queste sono basate su modelli fotografici della collezione dell’artista e includono spesso interpretazioni delle opere. Così in He,She,It (2017) Czupryn ha integrato un  Head di Naum Gabo,un Folding Sculpture di Lygia Clark e un  Corner Counter-Relief  di Vladimir Tatlin.  Illusioni come queste  sono una questione di geroglifici che nascondono significato, riferimenti incrociati alla storia dell’arte, tributi ad artisti stimati o accessori decorativi?

La Kunsthalle Darmstadt è orgogliosa di avere l’opportunità di presentare, con una collezione di venticinque dipinti realizzati tra il 2014 e il 2018, la prima onnicomprensiva panoramica della produzione creativa di un artista che conosce come trascinare la pittura fuori dalla sua reticenza e trasformarla in una composizione teatrale visiva in dialogo con le arti, non solo con la scultura.Oltre ai dipinti, saranno anche  in mostra centinaia di lavori su carta che David Czupryn produce casualmente giorno dopo giorno e in seguito mette insieme in serie. Testimoniando il suo interesse per il ritratto e per le tronie ( ritratti in cui i  lineamenti del viso vengono resi impressionanti o deformi). Procedendo da fonti ampiamente diffuse della  storia dell’arte ma anche da composizioni facciali realizzate per indagini di polizia, l’artista disegna immagini grottesche che rivendicano una posizione tra l’Arcimboldo e Thomas Schütte.

Per maggiori informazioni visita Kunsthalle Darmstadt website.

 

 

 

Related
articles