David Czupryn

Direct 24 never 48, 2016

Oil on Canvas

190 × 140 cm


Interested in purchasing this work?

Enquire

Additional Information

Artwork
Description

In his paintings, David Czupryn often plays with sarcasm with the viewer’s expectations. The enigmatic title ‘Direct 24 Never 48’ is remindful of a ludicrous slogan crafted in order to advertise and sell a “new-and-improved” version of a product nobody actually needs. With this work Czupryn does not mean to critique contemporary consumerist society. On the contrary, his commentary is purely observational: with marked cynicism the artist notes it is arrogant of humanity to think mankind will be able to destroy our planet. Our way of life will simply irreparably damage what makes nature such a hospitable environment for our species.

Thus, David Czupryn interest in the merger between synthetic and natural materials here reaches a climax. The desert-like hues of this painting, coupled with the poisonous tints of otherworldly vegetation, conjure up an alien eco-system, where neither man, nor anthropomorphic figures seem to find any space. However, exotic flowers and bony plants still cooperate and communicate with each other, through neon filaments, in the intricate and never-ending circle of life, having taken over and adapted to their sprawling needs, vestiges of human civilisation.

About
the artist

David Czupryn (1983) è un artista tedesco laureatosi presso la Kunstakademie di Düsseldorf nel 2015 (2007-2015) e da allora ha lavorato a stretto contatto con ARTIER. Nel 2016 ha ricevuto il  70th International Bergische Art Prize con un solo show presso la Kunstmuseum Solingen in Ottobre 2017. Nello stesso anno, ha partecipato a due mostre presentando nuovi lavori presso la collezione Uziyel a Londra e  a Palazzo Capris a Torino, entrambe curate da ARTUNER. Attualmente vive e lavora a Düsseldorf.

Nei suoi dipinti surrealisti, David Czupryn crea mondi fantastici, abitati da ibridi umanoidi e creati con materiali a metà strada tra natura, polimeri artificiali e immaginazione. La sua pratica è generalmente informata da una ricerca del perturbante, condotta da un punto di vista per lo più 'viscerale'. Per l’appunto, sebbene i suoi lavori siano intessuti di teorie psicoanalitiche, Czupryn non approfondisce mai questo ambito nelle sue opere.

La sua tecnica è perfetta: il 'metodo a strati' impiegato da Czupryn si rivela alquanto meticoloso e le pennellate risultano invisibili. Infatti, la superficie del quadro è piuttosto piatta, sebbene trasmetta un senso di profondità e ricchezza dei materiali raffigurati. La sintesi di natura e materiali realizzati con tecniche industriali è un aspetto molto importante nel lavoro dell'artista.

Czupryn ha iniziato la sua carriera artistica come scultore, con Georg Herold. Successivamente ha deciso di concentrarsi esclusivamente sulla pittura. Ha messo da parte la scultura e tutti i suoi lavori. Per mesi, ogni giorno, ha preferito esercitarsi con le tecniche della pittura, con il trompe l'oeil in particolar modo, come insegnatogli da McKenzie. Un momento di svolta arriva nel 2012, quando l’artista vede un dipinto tardo gotico di una scultura realizzato con la tecnica a grisaille. Da quel momento, Czupryn riprende le sue prime sculture e inizia a rappresentarle su tela.

Surrealismo e Metafisica (Salvador Dalì e Giorgio de Chirico in particolare) sono senza dubbio i primi punti di riferimento che saltano all’occhio quando si guardano i dipinti di Czupryn. Tuttavia, fonti di ispirazione precipue dell'artista sono le opere del fotografo Diane Arbus e dell’artista americano Matthew Barney.


In his surrealist paintings David Czupryn creates fantastic worlds, inhabited by humanoid hybrids and built with materials found at the intersection between nature, man-made polymers and imagination.


David Czupryn
su Artuner