Rebecca Salter

H2, 1992

mixed media on canvas

122 × 183 cm


Interested in purchasing this work?

Enquire

Additional Information

Artwork
Description

Salter’s practice aims to bridge the gap between Eastern and Western culture. Her works are a successful fusion of aspects of these two apparently far away artistic traditions. On the one hand, the Zen inspired quiet contemplation to which her works invite is a typically Eastern trait. On the other hand, however, this quality is mediated by a Western, ego-referred sensitivity, manifest in the proportions of the elements on the canvases –  which usually take the artist’s height and frequency of breadth as points of reference –  as well as in the reminiscences of Western artistic experiences, like those of Romantic painters, of the American artist Mark Tobey, and of the Beats poets, who used to randomly cut and reassemble their poems in new compositions.

Untitled H2 makes no exception. In accordance with the Eastern concept of elaborated simplicity, this apparently sombre work is in reality a product of extensive labour. Salter first created a painting on canvas using a soft palette and occasionally scratched its surface. She then cut it into dozens of squares and finally rearranged the diced fragments onto a new canvas, following a new disposition. Although chiefly interested in the unassuming and the everyday, Salter is not immune to the grand displays of natural forces. Indeed, the inspiration for this series of works came with her first trip to the turbulent landscape of the Lake District, one of the favourite sources of inspiration for British Romantic artists like Turner, Coleridge and Wordsworth.

About
the artist

Rebecca Salter (Inglese,1955) è stata eletta Royal Academician nel 2014 e Keeper of the Royal Academy Schools nel 2017. L’artista vive e lavora a Londra.

Nel 1970, dopo essersi laureata presso il Politecnico di Bristol come ceramista, Salter si trasferì in Giappone per studiare alla Città Universitaria delle Arti di Kyoto. Lì, lontana da casa, Salter faticò ad integrarsi con gli altri studenti e il resto della comunità artistica: doveva prima di tutto superare barriere linguistiche e culturali. Restò in quel paese per sei anni, mettendo in discussione sé stessa, la sua pratica e la storia dell’arte occidentale prima che decidesse fosse ora di ritornare in patria in Inghilterra.

Il risultato di tale avventura di (ri)scoperta consiste nelle sue incredibilmente belle e distintive opere astratte su tela e carta.Trovandosi all’intersezione tra la tradizione occidentale e la tradizione giapponese, la sua pratica artistica cerca di superare il vuoto tra le due fondamentalmente differenti concezioni dell’arte. Nei suoi disegni e dipinti, Salter applica nozioni di tracciare segni (mark-making), che tradizionalmente appartengono alla calligrafia; la distinzione tra il davanti e il retro della tela scompare, dal momento che l’artista si concentra sul creare un oggetto esistente nello spazio, piuttosto che una superficie dipinta, l’artista rivisita la  grande tradizione Romantica della pittura del paesaggio e del tempo, attraverso l’uso della linea, piuttosto che del colore.

I lavori di Salter sono estremamente dettagliate astrazioni minimaliste, particolare enfasi è data all’interazione tra il segnato e il non segnato spazio sulla tela. La presenza di spazio bianco rappresenta un tratto critico nel lavoro di Salter e rivela la relazione che l’artista ha con quel che riguarda la Scuola di pittura di Hasegawa. Salter cita spesso Pine Trees di Hasegawa come un lavoro estremamente importante per la sua propria pratica artistica.La stratificazione di toni neutrali spesso pervade la tela con una qualità eterea, i colori attenuati offrono un tranquilla, ma stupefacente risposta alla natura. Frequentemente, l’uso di piani verticali e orizzontali struttura l’opera: invitando a trarre dalle astrazioni un senso del paesaggio e di profondità.

I suoi lavori possono essere visti come ossessivi, meditativi, delicati o potenti, ma alla fine sono tutti ammalianti.

Salter ha anche avuto parecchie commissioni architettoniche, che includono sia il  Guy’s Hospital sia il St George’s Hospital. E’ stata un artista in residenza a Lofoten in Norvegia e presso la Josef and Anni Albers Foundation, in Connecticut. Nel 2011, Salter ha avuto una significativa retrospettiva presso il Yale Center for British Art: into the light of things 1981-2010.

 


Salter’s works are heavily detailed minimal abstractions, particular emphasis is given to the interplay between marked and unmarked space on the canvas. The layering of neutral tones often suffuses the work with an ethereal quality, the muted colours offering a tranquil, yet spellbinding, response to nature.


Rebecca Salter
su Artuner